POPPY ACKROYD

Resolve

 

Poppy Ackroyd è una compositrice londinese, attualmente con base a Brighton. Violinista e pianista con doppio diploma al conservatorio, crea la sua musica manipolando e campionando i suoni di questi due strumenti.
Il suo album di esordio “Escapement” è datato 2012 ed è stato accolto molto positivamente sia dalla critica che dal pubblico. Il secondo, “Feathers”, uscito nel 2014, conferma le promesse del primo lavoro, oltre a vedere la presenza anche delle tastiere e di strumenti a corda.
Nel 2017 ha firmato per la casa discografica di Bjork, One Little Indian, pubblicando un mini album dal titolo “Sketches”. Si tratta di un disco acustico con solo pianoforte che comprende 10 tracce: sei di queste sono rielaborazioni dai precedenti lavori “Escapement” e “Feathers”, le altre 4 sono riarrangiamenti di nuove tracce che faranno parte del prossimo lavoro “Resolve”, che ha visto la luce nella prima metà del 2018.
Questo album esplora le continue sfide della vita ed è estremamente personale, come affermato dalla stessa Poppy Ackroyd: “Resolve tratta della determinazione ad accogliere le cose belle della vita mentre si ha a che fare con difficoltà inaspettate. Trovare la luce nell’oscurità, affrontare la tristezza e la sconfitta a testa alta e sviluppare una crescente forza interiore”.
Ackroyd crea trame percussive a partire da strumenti classici e il risultato, attraverso l’impiego di pochi strumenti combinati con le incredibili capacità di produzione dell’artista, si avvicina a quello di un’intera orchestra.
Ackroyd ha sviluppato la propria cifra stilistica grazie allo studio del pianoforte classico contemporaneo da una parte e all’ascolto della musica elettronica dall’altra. L’artista lavora registrando improvvisazioni di motivi classici contemporanei eseguiti al pianoforte che vengono poi riarrangiati e manipolati digitalmente. Il risultato è una splendida fusione di acustico ed elettronica in un contesto post-classico.

 

Ex Machina

LUMI opening
Vittorio Auteri electronics
Giorgia Reitano, Giulia Russo violini