Biagio Guerrera Casa Munnu
2724
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-2724,wp-custom-logo,bridge-core-2.9.7,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-28.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-2585
 

Biagio Guerrera Casa Munnu

Casa Munnu

Dal libro…
Casa munnu è l’ultima racconta di racconti poetici di Biagio Guerrera  –  poeta  e  cantore catanese amato da Andrea Camilleri – pubblicata dalla casa editrice Mesogea nella primavera del 2021.  È un libro che accoglie  sotto  il  tetto  trasparente  e stellato di una Casa-Mondo  un  microcosmo  di  voci  che  parlano,  sussurrano, cantano, rigorosamente in dialetto siciliano, lingue e  passioni  del  mondo  che abitiamo.
… al live
Ma Casa munnu è anche un progetto itinerante di concerto/recital che si può avvalere di volta in volta della collaborazione di amici cantanti e musicisti come Eleonora Bordonaro, Giovanni Arena, Riccardo Gerbino.
VIDEO

Notizie

BIAGIO GUERRERA poeta, performer, curatore, operatore culturale (Catania, 1965). Scrive in siciliano ed è autore di quattro raccolte poetiche, di testi teatrali e canzoni. È tra i fondatori del collettivo artistico Famiglia Sfuggita, con cui nel 1992 presenta, a Santarcangelo dei Teatri, Idda, poi inserito nella sua prima raccolta poetica dal titolo omonimo (Il Girasole, Valverde, 1997). Nel 2003 è tra i curatori del libro con CD Dalle sponde del mare bianco (Mesogea, Messina, 2003), insieme ai Dounia e al poeta tunisino Moncef Ghachem. Nel 2009 pubblica la sua seconda raccolta poetica, Cori niuru spacca cielu (Mesogea), Premio Città di Marineo; nel 2011 il CD Quelli che bruciano la frontiera (FolkClub Ethnosuoni, Casale Monferrato) insieme a Moncef Ghachem e alla Pocket Poetry Orchestra, ensemble da lui fondato con il quale ha realizzato numerosi lavori su testi di poeti come Ronny Someck, Jaroslaw Mikolajewski, Peter Waterhouse, Salvo Basso, Guido Ballo, Nino De Vita,  etc.
Del 2014 la raccolta Amàri, libro + CD, (Mesogea, 2014) e del 2017 il testo teatrale Vita straordinaria ri Don Giuanni Grasso dedicato al grande attore catanese messo in scena da Marcello Cappelli con le musiche di Colapesce. Casa Munnu è la sua ultima raccolta (Mesogea, 2021).
Svolge un’intensa attività di curatore e operatore culturale (Associazione Musicale Etnea, Festival Internazionale di poesia Voci del Mondo, Leggerete, SabirFest). Suoi testi sono stati pubblicati in varie riviste e antologie, in Italia e  all’estero.
Nel 2019 ha vinto il Premio Lerici Pea “Paolo Bartolani” su segnalazione di Andrea Camilleri e Manuel Cohen.

PUCCIO CASTROGIOVANNI Nato a Catania nel 1962 da una famiglia di artisti e musicisti, comincia fin da piccolo a studiare il piano e a suonare il marranzano e la chitarra. Suona indifferentemente svariati strumenti etnici: dalle tastiere ai plettri, dai fiati alle percussioni. Appassionato di liuteria, possiede una variegata collezione di strumenti delle tradizioni popolari.
È uno dei fondatori del gruppo musicale I LAUTARI, con cui da oltre vent’anni svolge un’intensa attività concertistica e discografica. I Lautari si muovono nel solco della tradizione popolare e del suo rinnovamento con un progetto che prevede la ricerca e la rielaborazione di canti siciliani, ma anche la composizione di canzoni inedite nel rispetto dei motivi e delle forme tradizionali.

Nel 2007 Puccio Castrogiovanni inizia la sua collaborazione con Roberto Zappalà e la compagnia zappalà danza, in occasione della realizzazione di “Instrument 1 <scoprire l’invisibile>”, spettacolo di Roberto Zappalà realizzato nell’ambito di Etnafest Arte, per il quale Castrogiovanni effettua un’originale ricerca sul marranzano. Lo spettacolo ancora in tour è stato rappresentato in tutto il mondo e ne sono state realizzate oltre cento repliche. Successivamente Castrogiovanni firma anche le musiche di “A.semu tutti devoti tutti”, creazione di Roberto Zappalà, che ha vinto il Premio Danza&Danza quale miglior spettacolo italiano 2009.
X