LAUTARI – “Fora tempu”

Trenta lunghi anni di musica insieme. La tradizione è stata la loro fonte, l’innovazione il loro
obiettivo. Tra concerti , teatro e danza hanno collaborato con una miriade di artisti, toccando
una vasta gamma di stili pur rimanendo fedeli al loro suono e ai loro strumenti acustici.
Hanno all’attivo sei album. Pigri, ma inarrestabili.
Dopo 5 anni dall’uscita dell’ultimo album, i lautari a Marzo 2019 decidono di avviare una
campagna di crowdfunding per dare alla luce “Fora Tempu”, il nuovo album.
Il titolo dell’album – che è anche il titolo di un brano contenuto in esso – è una
rivendicazione al diritto di non esserci, di non inseguire, di essere fedeli al credo «non fare
mai oggi quello che potresti fare domani», di continuare a fare un lavoro artigianale che poi
è quello che hanno sempre fatto in più di trent’anni di esistenza musicale.
«Potremmo fare un disco ogni tre giorni ma non è quello che ci interessa. Ne facciamo uno
ogni tanto per consolidare il nostro lavoro e lasciare un’eredità»

Puccio Castrogiovanni: Voce, Mandolino, bouzuki, mandola, marranzani
Gionni Allegra: Voce, Contrabbasso, chitarra
Marco Corbino: chitarre
Salvatore Assenza: clarinetto, sax, pive
Salvo Farruggio: batteria e percussioni

https://www.instagram.com/ilautari/?hl=it

https://www.facebook.com/ilautari/

Fora tempu live: https://youtu.be/hvFvUwLj_8s

Estratto concerto dal vivo al monastero dei benedettini: https://youtu.be/j8SIsETWtcE


BIOGRAFIA
I Lautari si muovono da vent’anni nel solco della tradizione popolare e del suo
rinnovamento con un progetto che prevede la ricerca e la rielaborazione di canti siciliani, ma
anche la composizione di canzoni inedite nel rispetto dei motivi e delle forme tradizionali.
Gli elementi del gruppo sono polistrumentisti e cantanti di lunga esperienza il cui approccio
alla musica è essenzialmente acustico, con un’attenzione particolare per il suono degli
strumenti tradizionali: mandolino, mandola, mandoloncello, chitarra classica, chitarra
acustica, contrabbasso, fisarmonica, organetto, piva, flauti e percussioni.
Il valore musicale e culturale del progetto musicale dei Lautari ha consentito loro di
collaborare in teatro con artisti e registi di grande spessore come Pino Micol, Gabriele
Lavia, Giorgio Albertazzi, Armando Pugliese, Peppe Barra, e gli ha permesso di partecipare
a prestigiose rassegne, come il Club Tenco e Arezzo Wave, che hanno riconosciuto il
valore del loro percorso artistico.
Nel 2004 i Lautari iniziano a collaborare con la Due Parole – Narciso Records, etichetta
catanese fondata da Carmen Consoli ed è anche da questo incontro che scaturisce “Anima
Antica”, un album che riassume una parte importante del loro cammino musicale.
Nel 2005 i Lautari prendono parte alla manifestazione Italia-Africa che accoglie uno
straordinario spettacolo offerto da un ricchissimo cast di artisti nazionali e internazionali, nel
corso di una giornata-evento che riempie Piazza del Popolo a Roma di uomini e donne di
ogni etnia ed età.
Nello stesso anno il gruppo partecipa ad altre manifestazioni, come la X edizione della
Rassegna Astimusica, insieme ad Alfio Antico, il Mantova Musica Festival e il Festival
Musicultura presso l’Ambasciata Italiana in Francia (Chambery).
Musica, folclore e tradizione si ritrovano nello scenario del Kals Art di Palermo, in cui i
Lautari si esibiscono, e in Turchia, ad Ankara, in una suggestiva contaminazione di culture
ed etnie diverse.
Nel 2006 partecipano alla realizzazione dell’album di Carmen Consoli “Eva Contro Eva”,
aggiungendo ai suoni dell’album le peculiarità sonore, stilistiche e strumentistiche del loro
gruppo, aperto alle influenze del panorama mediterraneo.
In concomitanza con l’uscita dell’album, nel Maggio 2006, partecipano al tour promozionale
del disco della Consoli, “Dal Simeto al Tamigi”, suonando insieme alla band della cantante e
affascinando pubblico e critica per l’originalità e la qualità delle esibizioni.
Il 15 Luglio 2006 i Lautari partecipano con successo al “Womad” (World Of Music Art and
Dance), il Festival mondiale itinerante ideato e fondato da Peter Gabriel. Il concerto si
svolge nell’ incantevole Teatro Greco di Taormina e l’evento consacra il valore artistico e
musicale del gruppo nell’ ambito della world music oltre che della musica popolare siciliana.
Il mese si chiude con una prestigiosa collaborazione al nuovo album di Goran Bregovic,
Karmen (With a happy end), che contiene il brano “Focu di raggia”, scritto dai Lautari.
Nel corso della stagione estiva i Lautari prendono parte ad alcune importanti rassegne
musicali italiane ed estere, come il Giffoni Music Concept e il Festival Sete Sois Sete Luas,
che li vede impegnati in una serie di date in Spagna, Israele e Portogallo.
Il 7 Settembre, in concomitanza con l’uscita dell’album “Arré”, parte da Catania il tour
promozionale, che prevede un ricco calendario di eventi.
Nel mese di Ottobre la band prende parte all’Auditorium di Roma ad un evento che
s’inserisce nel più ampio progetto “La musica antica del nuovo millennio”, la cui direzione
artistica, affidata a Carmen Consoli, si propone di riunire in uno spettacolo a più voci le
diverse esperienze della tradizione siciliana.
Il 2008 si presenta subito denso di appuntamenti musicali che vedono il gruppo coinvolto
nelle attività della rassegna Etnafest, nella sezione “Etna-Music World”, sotto la direzione
artistica di Carmen Consoli.
I Lautari, per l’occasione, si esibiscono insieme all’Etna Orchestra che accompagna il 18
marzo lo spettacolo “Sotto lo stesso cielo”, durante il quale tradizioni musicali dialettali
differenti si incontrano nella stessa cornice
Il 2009 si apre con la partecipazione al Festival della canzone siciliana di Antenna Sicilia
con il brano “C’era cu c’era”.
In primavera il gruppo musicale porta sulle scene teatrali il nuovo spettacolo “U tempu di ‘na
manciata”.
Al centro dello spettacolo sta il tema della cucina tradizionale connessa all’amore: le varie
civiltà che popolavano la Sicilia si ritrovano così unite anche sotto il segno della cucina e in
particolar modo degli ingredienti che, mescolati, generano nel palato sapori unici e
caratteristici.
Nel 2012 ritornano con un nuovo album di 11 tracce, “C’era cu c’era”, candidato alle targhe
tenco.
Nel gennaio 2015 i Lautari ritornano con un concerto dal titolo: “Canzoni corsare” invitati dall’AME Associazione Musicale Etnea “40ª Stagione Concertistica” al Teatro Odeon di Catania, ispirato alla raccolta di articoli di Pier Paolo Pasolini, con il quale intraprendono il tour estivo toccando varie piazze e teatri fra cui Catanzaro, Capo d’Orlando, Milo, Alcara li Fusi, Castellammare del Golfo, Santa Teresa di Riva, Enna con Eugenio Bennato.

Natale 2015 concerti con l’attore Bruno Torrisi.

Nel 2016 collaborano con la Compagnia Zappalà Danza allo spettacolo “I am beautiful” di
cui compongono ed eseguono dal vivo le musiche, spettacolo che debutta in prima assoluta
nel mese di novembre al 26º Festival 2016 Euro-Scene, Festival zeitgenössischen
europäischen Theaters und Tanzes al “Schauspiel Leipzig und Oper” Lipsia, Germany,
prosegue in varie città italiane, tra cui il Teatro Massino Vincenzo Bellini di Catania.

Nell’aprile del 2017 è la realizzazione insieme ai “Fratelli Napoli” narrata dai pupi siciliani
“Tutta un’altra Storia” Metamorfosi di Angelo D’Arrigo, che ha debuttato al Teatro Sangiorgi
di Catania.

Nell’estate 2017 continuano i concerti, in particolare il progetto “TRI” con Alfio Antico e Rita
Botto che si esibisce all’ Umbria folk festival di Orvieto, da menzionare la partecipazione al
“Taranta Sicily Fest” di Scicli, al Folk Fest di Frazzanò e il concerto svoltosi ai Monastero dei Benedettini per i trent’anni di attività in occasione del quale i Lautari hanno rimasterizzato e stampato su CD la prima loro produzione musicale uscita in cassetta nel
1990 “Acqua e sali” e ne hanno fatto dono al pubblico.

Il 10 dicembre 2017 invitati dall’Istituto Italiano di cultura di Osaka, Giappone, hanno tenuto
un concerto presso il Knowledge Theater, Grand front Osaka.

Il 14 ottobre 2018 in collaborazione con la Compagnia Zappalà Danza debuttano con lo
spettacolo “I am beautiful” presso il Teatro Coliseo al “10 Festival Buenos Aires Danza
contemporanea” Buenos Aires, Argentina.

Commenti chiusi