THE MUSIC OF STRANGERS: YO-YO MA E I MUSICISTI DELLA VIA DELLA SETA

MORGAN NEVILLE regia
USA 2016

Raccontare al cinema la multiforme arte musicale e i suoi protagonisti non è mai un lavoro semplice. Ma quando la rappresentazione si lascia trascinare dal ritmo che pulsa nelle vene creative di chi la musica la sente e la fa, il risultato non può che aprirci spiragli di autentica condivisione di un’energia universale.
Questo è quello che accade nel docu-film di Morgan Neville (Oscar 2014 per il documentario 20 Feet from Stardom), Yo-Yo Ma e i musicisti della Via della Seta – The Music of Strangers, che ripercorre le tappe della nascita e dell’essenza dietro al complesso internazionale Silk Road Ensemble, composto da oltre 50 elementi tra strumentisti, cantanti, compositori e arrangiatori.

Nato da un’idea del violoncellista di fama mondiale Yo-Yo Ma, il collettivo musicale ha mosso i suoi primi passi dalla riunione in Massachusetts del 2000, che ha visto incontrarsi per la prima volta tra i migliori musicisti provenienti dalle terre che una volta formavano la celebre Via della Seta. Da quei primi impulsi creativi, nel corso di 15 anni l’ensemble ha creato una sua identità e un suo nucleo, arricchitosi via via di nuove partecipazioni, riunendosi periodicamente e portando avanti il progetto di creare una musica che rappresentasse le interconnessioni culturali tra sconosciuti dal diverso retroterra tradizionale. Il film cerca di esplorare e raccontare le diverse anime di questo affascinante progetto dalle ambizioni universalistiche e la connotazione fortemente pacifista (non a caso il decisivo impulso a iniziare un lavoro comune viene nel post 11 settembre), attraverso le parole, le storie e le note di cinque dei suoi più interessanti membri: Yo-Yo Ma – ex bambino prodigio prolifico e pluripremiato –, la galiziana Cristina Pato, definita “la Jimi Hendrix della cornamusa”, Wu Man, riconosciuta in tutto il mondo come prima virtuosa dello strumento della pipa (appartenente alla tradizione cinese), il clarinettista siriano Kinan Azmeh, e infine l’acclamato artista del kamancheh Kayhan Kalhor, fondamentale nel tramandare la musica tradizionale persiana nel mondo.

Yo-Yo Ma e i musicisti della Via della Seta – The Music of Strangers è un viaggio morbido e coinvolgente che ci racconta la passione dentro la musica, l’abbraccio totalizzante di un amore che tutto permea, e la ricerca alla base della creatività, che si interroga anche sulla (spesso problematica) questione su cosa sia l’arte, quale possa essere la sua utilità, come possa contribuire a rendere il mondo un posto migliore. E in questo viaggio ci mostra un variegato, allegro e istintivo laboratorio dove la commistione di approcci, conoscenze, attitudini e culture diverse si aggrovigliano tanto da perdersi e creare una nuova miscela di tonalità, tutte da scoprire e ascoltare.